SUAP - Concessione contributi a fondo perduto a sostegno delle attività produttive del comparto calzaturiero/pelletteria

Scadenza presentazione domande: entro e non oltre le ore 23:59 del 22/12/2021

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO

a sostegno delle attività  produttive del comparto calzaturiero/pelletteria  a seguito dello stato di emergenza epidemiologica dovuta al covid-19,al fine di contenere gli effetti negativi sul contesto socio-economico comunale ed adottare misure finanziarie volte al sostegno delle suddette attività.

Il Dirigente, Arch. Giulia Catani, rende noto che 

sono aperti i termini per la presentazione delle domande finalizzate alla richiesta degli incentivi alle attività economiche per le seguenti finalità:“sostegno di attività produttive del comparto calzaturiero/pelletteria  attività economiche a seguito dello stato di emergenza dichiarato a seguito della diffusione epidemiologica causata dal Covid-19, al fine di contenere gli effetti negativi sul contesto socio-economico comunale ed adottare misure finanziarie volte  al  sostegno delle suddette attività” 

Il presente avviso, nel rispetto delle disposizioni dettate dall’art. 12 della Legge 7/8/1990 n. 241 e successive modifiche e integrazioni, ha lo scopo di garantire la trasparenza dei procedimenti e i diritti di partecipazione, rendendo noti presupposti, criteri e modalità di attribuzione degli incentivi, così come stabiliti con deliberazione di Giunta Comunale n. 245 del 22/11/2021 e descritti di seguito.

Art. 1 – REQUISITI DI AMMISSIBILITA’ DELLA DOMANDA E SOGGETTI BENEFICIARI

Possono accedere ai contributi le attività economiche, sotto qualsiasi forma d’impresa, che presentino i seguenti requisiti:
1)    aventi sede operativa nel Comune di Porto Sant’Elpidio;
2)    siano attività in esercizio alla data di pubblicazione del bando;
3)    risultino  essere attività classificate con codice ATECO 15;
4)    risultino essere attività con un numero di addetti pari o inferiore a 5 (cinque) al 31.12.2020, così come risultante da visura camerale;
5)    avere DURC regolare alla data di presentazione della domanda;
6)    dichiarino di essere in possesso dei requisiti previsti al successivo art. 3 del presente bando.

Art. 2 - ENTITÀ DEI  CONTRIBUTI

Il contributo è erogato a fondo perduto secondo le seguenti modalità:

a)    L’ordine di ammissione delle domande dovrà essere stabilito in rapporto alla perdita del fatturato compreso tra il 15% ed il 29,99 % delle ditte richiedenti nell’anno 2020, rispetto all’anno 2019. La perdita di fatturato dovrà essere  dichiarata da un professionista contabile, sotto forma di asseverazione, riportando  i dati del fatturato  degli anni 2019 e 2020 e  il calcolo della relativa perdita,  sia come valore assoluto che come percentuale.  Si darà priorità alle imprese con perdite più elevate; 

b)    In subordine, ed a parità punteggio in base al criterio di cui al punto a), dovrà essere considerato l’ordine di arrivo della domanda, dando priorità alle domande pervenute in maniera più tempestiva, facendo riferimento al numero del protocollo;

c)    Il contributo è erogato nella misura di euro 1.000,00 (mille/00) per ogni impresa risultante beneficiaria;

d)    Qualora le domande ammissibili dovessero eccedere il numero di  80,  si procederà a riproporzionare l’importo del contributo riducendo lo stesso in ragione delle domande ammissibili, con un minimo di contributo pari a Euro 500,00 (cinquecento/00), soddisfacendo le richieste di un massimo di 160 imprese. Nel caso in cui le stesse fossero in numero inferiore  ad 80,  il contributo sarà riproporzionato in base alle richieste con un massimo pari ad euro 1.500,00 (millecinquecento/00);

e)    Al termine dell’istruttoria e della raccolta delle domande dovrà essere stilata una graduatoria in base ai criteri di cui ai punti a) e b);

f)    Qualora il numero di domande ammissibili fosse superiore al numero massimo di 160, le domande che si dovessero posizionare in graduatoria oltre tale posizione dovranno essere automaticamente escluse dal beneficio. 

Art. 3 – REQUISITI GENERALI

Tutte le imprese, i titolari o gli amministratori richiedenti, dovranno risultare regolarmente attive alla data di scadenza dell’avviso pubblico, oltre ad essere necessariamente in possesso, in aggiunta agli specifici sopra indicati, anche dei seguenti requisiti generali: 

1.    Le ditte risultino iscritte alla CCIAA competente per territorio e attive alla data della presentazione della domanda;

2.    Le ditte, i titolari, gli amministratori, i rappresentanti legali, non si trovino in stato di fallimento, liquidazione coatta, liquidazione volontaria, concordato preventivo ovvero in ogni altra procedura concorsuale prevista dalla legge fallimentare e da altre leggi speciali, né abbiano in corso un procedimento per la  dichiarazione di una di tali situazioni nei propri confronti;

3.    I titolari, gli amministratori, i rappresentanti legali abbiano riportato condanne penali e non siano destinatari di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa;

4.    I titolari, gli amministratori, i rappresentanti legali non si siano resi gravemente colpevoli di false dichiarazioni nel fornire informazioni alla Pubblica Amministrazione e non sia stata pronunciata a loro carico alcuna condanna, con sentenza passata in giudicato, per qualsiasi reato che determini l'incapacità a contrattare con la P.A..


Art. 4 - REGIME DEI MINIMIS 

I contributi in oggetto saranno concessi ai sensi del Reg. (CE) n. 1998/2006 del Regolamento (UE) n.1407/2013 della Commissione, del 18 dicembre 2013, relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti d'importanza minore «deminimis» e l’importo totale massimo degli aiuti di questo tipo ottenuti da una impresa non potrà superare, nell’arco di tre anni, i limiti d’importo previsti per le specifiche tipologia d’attività della normativa vigente.

Art. 5 - PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

L’istanza, dovrà essere presentata esclusivamente utilizzando la presente piattaforma di gestione istanze online del Comune accessibile tramite SPID, CNS e CIE, sottoforma di dichiarazione,  resa ai sensi del D.P.R. n. 445/2000 e successive modificazioni ed integrazioni, entro e non oltre le ore 23:59 del 22/12/2021.

Le domande dovranno essere corredate dell’indicazione dell’IBAN su cui l’Amministrazione dovrà versare il contributo; la mancata indicazione di detto elemento costituirà causa di  esclusione.

Non sono ammesse altre modalità di presentazione della domanda di contributo. Il suddetto termine di invio della domanda è perentorio e fa riferimento all’orario del sistema informatico di acquisizione.

La compilazione è guidata dal sistema.

Il Comune di Porto Sant’Elpidio, declina ogni responsabilità relativa a problemi di collegamento internet non riconducibili a malfunzionamento della piattaforma preposta alla raccolta delle domande

 La domanda dovrà essere corredata a pena di esclusione dai seguenti allegati:

-    Asseverazione firmata digitalmente da un professionista contabile  attestante la perdita di fatturato  con indicati i dati del fatturato  degli anni 2019 e 2020 e  il calcolo della relativa perdita,  sia come valore assoluto che come percentuale;

La richiesta di contributo non costituisce di per sé titolo per ottenere il contributo che sarà concesso solo dopo l’esame di tutte le richieste e della documentazione prodotta, e solo nei limiti delle risorse all’uopo destinate.
In sede di istruttoria  si procederà alla verifica di eventuali pendenze della ditta in materia di Tassa sui rifiuti (TARSU/TARI) ed IMU, sulla base di avvisi di accertamento notificati entro la data del 30/06/2021 da parte del Comune di Porto Sant’Elpidio e comunque divenuti definitivi alla data di pubblicazione del presente bando. In caso di pendenze attive si procederà a conguagliare le stesse con  il contributo eventualmente maturato. 

Art. 6 – ISTRUTTORIA 

Al fine di verificare la completezza delle informazioni fornite e dei documenti allegati, nonché la sussistenza dei requisiti obbligatori previsti, e stilare la graduatoria di merito delle domande ammesse  a contributo ai sensi del precedente punto 3,  verrà istituita un’apposita commissione composta da: 
 
-    Il Dirigente dell’Area Servizi al Territorio e alle Imprese, Giulia Catani;
-    Il Dirigente dell’Area Servizi Amministrativi e Finanziari, Claudia Petrelli;
-    Il Responsabile del Settore Tributi ed Entrate, Francesco Foglia;
-    L’Istruttore Direttivo Servizio SUAP, Patrizia Massucci in qualità di segretario.

La commissione prima di emanare la suddetta graduatoria in maniera definitiva si riserva la facoltà di richiedere tutte le precisazioni eventualmente ritenute necessarie ai soggetti richiedenti;

L’istruttoria si concluderà entro 30 giorni dalla data di termine della presentazione delle domande.

Dopo avere determinato l’ammissione o l’esclusione dalla graduatoria, sulla base della verifica dei requisiti e della documentazione pervenuta, verrà approvata, con apposita determinazione dirigenziale, l’elenco degli esclusi e la graduatoria degli ammessi con relativo valore del  contributo.

Art. 7 - MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI

I contributi verranno erogati in un’unica soluzione mediante bonifico bancario entro 30 giorni dalla comunicazione di ammissione della domanda a contributo che farà seguito alla determina di approvazione della graduatoria.

Art. 8 - CONTROLLI

Ai sensi del DPR 445/2000 le attestazioni rese attraverso autocertificazione sono soggette a controllo, anche a campione, secondo le prescrizioni del presente avviso e le proprie disposizioni organizzative interne, da parte dei competenti uffici, anche successivamente alla fase di istruttoria delle domande. Ai fini del controllo le imprese beneficiarie sono tenute a consentire agli uffici che curano l’istruttoria, l’accesso alla documentazione in loro possesso. Verifiche sulla veridicità delle dichiarazioni rese e della documentazione inviata in sede di presentazione della domanda, potranno essere effettuate anche mediante il supporto del comando Guardia di Finanza territorialmente competente;

L’accertamento della non veridicità del contenuto delle dichiarazioni rese, fatte salve le sanzioni previste dalla normativa vigente, comporta l’immediata decadenza dai benefici erogati ossia la revoca e l’integrale restituzione dell’incentivo eventualmente già concesso.


Art. 9 – RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Il Responsabile del Procedimento è la Dirigente dell’Area  Servizi al Territorio e alle Imprese, 
Arch. Giulia Catani .
 

Art. 10 – TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

I dati acquisiti ai fini dell’applicazione delle agevolazioni sono trattati nel rispetto del R.EU (Regolamento Europeo in materia di protezione dei dati personali) n. 2016/679

I dati personali raccolti saranno trattati e diffusi anche con strumenti informatici:

  • nell’ambito del procedimento per il quali gli stessi sono stati raccolti;
  • in applicazione della disposizione sulla pubblicizzazione degli atti, ai sensi della legge 241/90 e ss.mm.ii..

 

I dati potranno essere inoltre comunicati, su richiesta, nell’ambito del diritto di informazione e accesso agli atti e nel rispetto delle disposizioni di legge ad esso inerenti.

Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria; in caso di rifiuto non sarà possibile procedere all’accettazione della pratica.

Il Responsabile e Titolare del trattamento dei dati è il Comune di Porto Sant’Elpidio – Via Umberto I n. 485 – 63821 Porto Sant’Elpidio (FM).

 

Art. 11 – TRACCIABILITA’ DEI FLUSSI FINANZIARI

Ai sensi dell’art. 3 comma 1 della L. 136/2010, le agevolazioni erogate per effetto del presente avviso sono escluse dall’ambito di applicazione della disciplina sulla tracciabilità dei flussi finanziari

 
versione 1.9.16.2